Pearl Jam Evolution – Daria Moretti e Luca Villa

pearljamonline.it è la fanpage italiana più importante ed aggiornata sulla band di Seattle; curatori di tale portale sono Daria Moretti e Luca Villa che nel 2016 decidono di mettere anche su carta la grande mole di informazioni e curiosità a loro disposizione: Pearl Jam Evolution è un corposo volume scritto dai fan per i fan.
Pearl Jam EvolutionSin dalle prime pagine (e sia come impostazione) il volume si presenta subito dettagliato e preciso, Pearl Jam Evolution racconta rigorosamente in ordine cronologico (compresa l’entrata via via dei singoli componenti) le vicende della banda di Eddie Vedder & Co: dalla disgregazione dei Green River (prima band di Gossard e Ament) fino agli ultimi concerti datati 2016. Tra dichiarazioni e stralci di interviste dei diretti interessati rilasciate lungo i 25 e più anni di carriera, la biografia si compone anche di un’analisi rigorosa dei testi delle canzoni di ciascun album, da Ten (1991) a Lightning Bolt (2013), passando per alcuni progetti collaterali e solisti. Quello che colpisce di più durante la lettura è la massima -e didascalica- precisione nell’enunciare i fatti e le vicende della band ed una discreta imparzialità di giudizio. Il tono della biografia non è dissimile da quello appassionato narrato in Pearl Jam Twenty (il documentario curato da Cameron Crowe nel 2011), con eguale spazio sia all’attività live della band (corredata dalle dichiarazioni dal vivo più interessanti di ciascuna tournee), sia alla registrazione in studio, con le impressioni e le sensazioni dei protagonisti a riguardo.
Le pagine più interessanti ed entusiastiche sono probabilmente da circoscrivere negli anni grunge fino al 1994 (da Ten a Vitalogy), eppure il lettore medio troverà ricche di significato anche i capitoli successivi: dalla battaglia -persa, e non priva di conseguenze- contro Ticketmaster, alle numerose iniziative benefiche e sociali dei Pearl Jam, che hanno proiettato la band oltre la dimensione grunge.

«Forse non ero pronto a ricevere tutta quell’attenzione. Non ero preparato alle cose pratiche e agli affari legali. Non sapevo che qualcuna poteva metterti sulla copertina di una rivista senza chiedertelo. Potevano vender riviste e fare soldi e tu non avevi diritti sulla tua faccia» – Eddie Vedder

Pearl Jam Evolution non è un titolo casuale, emerge infatti piuttosto chiaramente come il ruolo della band (e dei singoli membri, si pensi a Eddie Vedder in specialmodo) dal 1991 sia progressivamente cambiato: un’evoluzione necessaria per la sopravvivenza, non a caso i Pearl Jam sono l’unica band di Seattle (con la solo eccezione dei Mudhoney) ad essere ancora in attività. Il successo fulmineo del 1992 ed il conseguente rifiuto di rilasciare interviste o girare videoclip, sono tappe fondamentali per comprendere il pensiero di una band che -tra numerosi alti e pochi bassi- è rimasta coerente specialmente con i propri fans. Dalle incomprensioni iniziali con Kurt Cobain (ed i rimpianti dopo la sua morte), all’àncora di salvezza gettata da Neil Young nel momento più difficile della loro carriera, passando al dramma del festival di Roskilde (ove morirono 9 persone durante l’esibizione dei Pearl Jam), Pearl Jam Evolution non tralascia proprio nulla, persino i lavori solisti dei singoli membri: è quindi da considerarsi a tutti gli effetti l’opera definitiva e più completa in commercio in Italia.

Pearl Jam Evolution è edito da youcanprint.

La Firma: Il Gemello Cattivo

Host di destinazione non consentito, sblocca la connessione nel pannello di AlterVista (Risorse > Impostazioni PHP)
Share
Precedente Live Report: Emma Grace @Biber Public House (Pink Plugless Thursdays) Successivo Live Report: Martæ @Biber Public House (Pink Plugless Thursdays)

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.