Opal (ep) – Little Chestnuts

Il pop dalle velleità wave dei Little Chestnuts ritorna sulle pagine di Heart of Glass, ed è sempre un bel piacere.
Come nel precedente, What is it like to be a gatecrasher? , anche nel fresco fresco ascolto di  Opal assistiamo ad una buona ricercatezza sonora. Proprio così, il dettaglio risulta più maturo, più adulto, con la consapevolezza che il percorso intrapreso è serio … perciò è lecito decretare questo nuovo ep come una fondamentale prova da esami di fine anno.
Reflection pare il brano che meglio rappresenti questa tendenza: dall’indie britannico prende solo quelle atmosfere da english-summer-rain, per poi rielaborare tutto secondo il sentimento Chestnuts. Le chitarre schioccano accordi brillanti e vaporosi, con quel tocco di onirismo primaverile che rilassa e piace immediatamente dal primo ascolto.
I buoni propositi ci sono tutti dunque, ma ribadisco quello che mi colpisce sono i dettagli impercettibili, come l’uso dei cori al posto giusto e al momento giusto, piuttosto che anacronistici effetti synth soffiati con acume e mano ferma. Ecco perché Away not Today si presenta come un brano rarefatto e senza tempo, ma che non pecca mai di presunzione ed adopera senza sforzare soluzioni semplici e non troppo naif. Forever Dreamly racconta con delicatezza una condizione esistenziale che balena sopra i massimi sistemi dell’universo, mentre è interessante fermarsi un attimo sulla funambolica Part of it. Un brano composto da micro-pixel sonici, che come zuccherini colorati, formano un arcobaleno dinamico, dal retrogusto bubblegum ma senza stomacare; un campo maggiormente sperimentale (nell’accezione più ampia del termine!) ma che sa mantenere saldi i legami e la coerenza con l’intero lavoro della band!

 

contatti:
Little Chestnuts bandcamp
Little Chestnuts facebook

recensito da Poisonheart
Poisonheart hearofglass

Host di destinazione non consentito, sblocca la connessione nel pannello di AlterVista (Risorse > Impostazioni PHP)
Share
Precedente Storie (ep) - La Via degli Astronauti Successivo La storia del Blues: Chicago, gli anni '50 e i suoi protagonisti (parte III)

Un commento su “Opal (ep) – Little Chestnuts

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.