Brighter – Shelly Johnson Broke my Heart

Un sound alla “Breakfast Club”, chitarre sottilmente deviate a ricalcare quel garage newyorkese dei primi anni ’80, meraviglioso vaso di pandora per la generazione che 10 anni dopo avrebbe fatto bang! La realtà che Gus va a raccontare, coinvolge la rediviva Rimini, precipitata in un viaggio temporale a ritroso, fatto di feedback fangosi e tanto miel-pop: una ricetta che nei primi novanta abortì sempre idee brillanti !!! Shelly Johnson (aka Mädchen Amick, attrice dallo sguardo di ghiaccio, apprezzata pure su Californication targato Showtime) è il personaggio reso  celebre dalla serie cult anni ’90 Twin Peaks, firmato follemente David Lynch: che a quanto pare ha fatto girare la testa pure a questo terzetto romagnolo, ispirandoli nel nome e nella nostalgia nineties.

Shelly Johnson Broke my Heart - BrighterBrighter è un pocket tascabile, da ascoltare in metrò, nel solito viatico da pendolare del lunedì mattino; non c’è da stupirsi che la musica dei Shelly Johnson Broke my Heart sia adattabile a qualunque umore lunatico: in seno al loro progetto c’è quel pop malinconico dai contorni ruvidi e dalla flemma colorata d’autunno. Un ep ben strutturato che non alza mai i volumi e non aggrotta mai il sopracciglio,  si concentra solo sulle cose semplice e dannatamente ben riuscite; c’è chi ci trova, banalmente, qualche livido alla Stipe, io personalmente guardo un po’ più in là, e ci riconosco un tocco di magica vaga nostalgia verso Simon & Garfunkel: gusti son gusti, eh! Ad ogni modo il singolo apripista è un concentrato disilluso di wave, un po’ alla Friday I’m in Love, dalla stessa aria assonnata, fantasticamente dolce e vacua allo stesso tempo: The Boy and The Pokey Town gioca tutto sul salire e scendere delle voci (ottimo backing vocals) e della chitarra, in un dicotomico esercizio di riff onirici annegati in una base prettamente garage, ma suonata come una ninna-nanna pop. Hope like thers’s not tomorrow pizzica le corde giuste e conferma le buoni impressioni dell’antipasto; si denota che la scuola prediletta dal terzetto è quella US, che si allarga in suoni dilatati dalle percussioni e dal ritmo generalmente sostenuto, senza ubriachezze moleste: lezione Pixies, probabilmente!

Abolito per sempre lo style-indie, la band prosegue con l’arcigna Petrinne Sonne come l’avrebbe interpretata Thurston Moore; in debito forse con lo stile dell’ultimo Paul Weller è A Lullaby, un groove suonato a pieni accordi, adrenalinico e sedato ad intermittenza, con tanto di turbine finale! Chiudo con echi dalle caverne di un pop ruffiano e sbucciato, Red Sun Black Sand  muore di una languida melancholia che costringe gli occhi a guardare il cielo in cerca di qualche risposta, o sintomo: un brano crepuscolare e molto piacente.

Un genere difficile di questi tempi invasati dalla malattia delle zero-idee, tuttavia Brighter fa il loro sporco lavoro, senza troppe velleità o soluzioni sgargianti. Musicalmente nei Shelly Johnson Broke my Heart è presente la liquidità del dream-pop e la perentorietà di un vago shoegaze; e nonostante qualche richiamo agli anni novanta, sostanzialmente il lavoro respira di un originalità che si accompagna volentieri al passeggiare frettoloso del assonnato lunedì mattina …

contatti:
Shelly Johnson Broke my Heart myspace
Shelly Johnson Broke my Heart bandcamp
Stop! Records sito ufficiale

recensito da Gus
Gus heartofglass
 

Host di destinazione non consentito, sblocca la connessione nel pannello di AlterVista (Risorse > Impostazioni PHP)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.