Bittersweet – Dreaming 23

Discutere di punk oggi, nell’era dei social network e del “già tutto visto e tutto sentito”, appare uno sciocco esercizio da nostalgici. Quindi lasciamo i sudati 33 giri del 1977 nella loro polverosa solitudine, e aggiorniamoci, magari venendo a compromessi con i nostri principi musicali. Dalla Sardegna con buona licenza metallara, i Dreaming 23 sono quella che definirei, una vivace banda di rumorosi ragazzi che lasciano le proprie impronte digitali in un punk-core d’assalto, da blindato militare sulle insidiose dune dell’Iraq o di un videogioco da playstation 2, 3 o 4. Velocità, prontezza di riflessi, incisività e niente clichè dei 2 minuti e 30 secondi.

L’esordio è sotto l’egida di influenze che s’inseriscono a cavallo tra i due secoli: una base che riprende il “sun”-punk della fine degli anni ’90 disinfestato dalle debolezze da mainstream, e qualche coraggiosa accelerata verso il nu-metal o ad ogni modo verso suoni cupi, cavernosi, con spesso l’ausilio di backing vocals di rimando. Power chords abusati, riff elettrici che graffiano i polpastrelli, basso corposo che fa sentire la propria presenza, e batteria in preda alle convulsioni da epilessia mai curata. Spiccio ma puntuale riassunto per l’esordio, Bittersweet.
I puristi di taluna parte si saranno imbestialiti sentendomi accostare punk e metal, poli opposti che non si attraggono nell’universo musicale. Eppure la via di mezzo in questo caso non appare come la scontata promozione di fine stagione. A tratti rivivono i sempre immortali Ramones: vedasi l’iperattiva Jump che ricorda a tratti il bubblegum di Rock ‘n’ Roll High School, oppure di riflesso My Lobotomy, nonostante s’immerga di nichilismo da capelli lunghi e pizzetto nero! A conferma di ciò, ecco Nothing Special, uno dei pezzi prediletti del disco. HC ma orecchiabile quanto basta grazie ad un chorus facilmente stampabile in testa.

Stucked Mind è lo spot del disco, sì insomma, quel punk-core d’assalto che annotavo precedentemente. Un crescendo costante fino alla detonazione, musicalmente i ragazzi sono grumosi, concreti, senza quella maligna tentazione di cadere dall’olimpo degli dei per qualche riff melodico e più ammiccante per le classifiche. La title-track svergina velleità più pop, ma queste rimangono sempre tali, sommerse da un muro di rumore, seppur con qualche vena di malinconia: non a caso alla lingua sembri agrodolce!

Le varianti al tema non mancano, Crimson si sveglia com’è; ossia la decima canzone di un album da 11 pezzi, eppure lasciando scorrere il timer, ecco che i Dreaming 23 tascinando fuori dal cilindro buoni spunti, sotto un percorso musicale quasi jammato, molto introspettivo e dalle tinte chiaro-scuro. Senza te è l’appendice in madrelingua, e nonostante non ami i miscugli british/italian job, il brano dimostra che la band sa cavarsela con soluzioni compositive mai banali, seppur le rime baciate siano praticamente imprescindibili.

Esordio coerente, dalla filigrana metallica e dalla vivacità ormonale: headbanging garantito. Presto in tour, i Dreaming 23 s’incuneano nella famiglia MySelf Records, un nome, che io se fossi in voi mi annoterei. Nice try! 

 Dreaming 23 myspace
MySelf Records myspace

recensito da Poisonheart
 

Host di destinazione non consentito, sblocca la connessione nel pannello di AlterVista (Risorse > Impostazioni PHP)
Share
Precedente Funeral - Arcade Fire Successivo Coso EP - Coso

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.