Surf Cassette – Surf Cassette

Se la primavera sta iniziando a fare capolino, in questo omonimo esordio invernale (uscito il 06 gennaio) dei milanesi Surf Cassette, si può già sentire tutto l’afoso ardore dell’estate. Sarà la spremuta garage, o quell’inconfondibile omaggio alle spiagge (ed al punk) californiano, ma ciascuna delle 8 tracce di cui si compone questo self-titled è pervasa da un sano bubblegum spensierato, ben ritmato e conciso nella forma.
Classico power-trio d’assalto, Dario (chitarra), Luca (percussioni) e Filippo (basso) suonano con vigore e buone velocità, una miscela semplice, orecchiabile e molleggiata nella sua andatura dinoccolata: senza pretese di ribellione, ma solo per il piacere di divertirsi e divertire. Un disilluso e solare approccio vagamente vintage (la sei corde non mente!), che mi ricorda tanto il ruvido punk dei Weezer, quanto la nostalgia estiva lo-fi dei Best Coast. Eppure, nella musica dei Surf Cassette permane come un meraviglioso e claustrofobico senso di compressione, dato più dalla nebulosa e natia Milano, che dalle aspirazioni di un California Dreaming scolorito sui bordi; rendendo del tutto originale la proposta del giovane trio.

Surf CassetteDallo schema palesemente surf-rock, l’evoluzione dei brani coinvolge sempre un chorus canticchiabile ed una ritmica ballabile, ma non per questo sciatta o scontata; anzi l’anacronismo e la lontananza dal solito indie-rock sporcato da un cantautorato generazionale, fa gridare di genuinità l’approccio schietto dei Surf Cassette. Il power-chord graffiante di Wasted, ad esempio, potrebbe benissimo appartenere ad una compilation nostalgica dei primi anni novanta, grazie a distorsioni di sei corde potenti, ma non così sporche da scivolare nell’alternative rock da scantinato. Dalla dinamica più articolata è Lust for Life (no, Iggy Pop non c’entra!), coloratissima pillola gommosa, il cui ritmo irresistibile non può che mettere in movimento un breve ed isterico balletto; che prosegue senza grossi cambiamenti in Mess in My Head. Se i riferimenti musicali maggiormente sentiti riguardano perlopiù band californiane skate-punk, come ad esempio i poco conosciuti (dalle nostre parti!) Fidlar o i Wavves, è indubbio come il senso di appartenenza ad un genere di nicchia, renda la proposta dei Surf Cassette esotica ed appassionante. Tuttavia, nella stagnante Wonder Woman è possibile riconoscere un certo buon gusto per la melodia e per l’emotività che genera, verso una sincera -ma tacita- dedizione alla ballata da spiaggia, quando il sole sta per nascondersi dietro la linea del mare.
L’eventuale scarto generazionale che c’è tra la flower-power Rebel e la secca Maybe I’m not Sober, sembra immenso, eppure dista solo pochi minuti l’una dall’altra; mentre nella crepuscolare Summer’s End, echi lontani e nostalgici verso il pop elegante delle Ronnettes di Be my Baby, rappresenta più di un’ispirazione. Chiude, in maniera sorprendente e coraggiosa, una bonus-track che si esilia dal contesto del disco: Portami Via è più un siparietto da bagnasciuga, ma che potrebbe pure rappresentare un’eventuale via da seguire in futuro.

I Surf Cassette ci fanno gustare l’estate con un esordio fresco ed energico, senza tuttavia rinunciare ad una vena di nostalgia e di riflessione. Circoscritto nel loro genere, il surf-rock proposto non è immutabile ed integerrimo, poiché sottopelle si notano piccole ed originali varianti, che non possono essere che da stimolo per le (auto)produzioni future. Nice Try!

Surf Cassette facebook
Surf Cassette soundcloud

recensito da Poisonheart

Host di destinazione non consentito, sblocca la connessione nel pannello di AlterVista (Risorse > Impostazioni PHP)
Surf Cassette – Surf Cassette ultima modifica: 2017-03-20T12:30:21+00:00 da admin
Share

About admin