Unplugged (live) – Alice in Chains

MTV Unplugged - Alice in Chains

Etichetta: Columbia Records
Prodotto da: Alex Colletti, Alice In Chains
Registrato a: Brooklin Accademy of Music, NY

 

Beh se lo hanno fatto i Nirvana e i Pearl Jam possiamo farlo anche noi !”. Questo in definitiva viene da pensare osservando la copertina di Mtv Unplugged Alice in Chains. E all’ascolto la storia non cambia.
Il palco del Brooklin Accademy è allestito come quello dei Nirvana, candele e fiori che fanno pensare ad un cimitero. L’atmosfera è meno distesa rispetto all’acustico di Cobain e soci, luci soffuse e Alice in Chains che si presentano dopo due anni e mezzo d’astinenza dai palcoscenici. Staley visibilmente provato, pallido con occhialoni scuri e vestito di nero, sembra la parodia di se stesso. Cantrell, Inez e Kinney (compare in penombra pure il secondo chitarrista Scott Olson) sostengono bene la scena e sembrano pimpanti e in forma. Ahimè l’intera performance è deficitaria nella parte vocale con Staley (oramai ostaggio dell’eroina) costretto a pause e dimenticando parti delle canzoni (come accade in Sludge Factory). Tuttavia il pubblico lo sostiene e tutti  dimenticano velocemente l’imbarazzante gaffe.

Si ripercorrono le liriche più importanti degli Alice in Chains, traendo gran parte del loro repertorio da Jar of Flies e Sap che acustici nascevano già. Quindi poche novità. Perlomeno decente Would? e Heaven Beside you, deprecabile la versione di Angry Chair lasciata da parte anche da Mtv.

Disponibile anche in dvd con tutte le tracce, compresi i tagli operati da Mtv, è un unplugged emozionante a tratti ma sostanzialmente mal riuscito. Anche se a pensarci hanno fatto peggio gli Stone Temple Pilots (ma lì il danno è insito nella band!); forse con uno Staley in condizioni migliori il risultato sarebbe stato migliore.
Solo per i fans.

 

recensito da Poisonheart
m_poison1

Destination host forbidden
FacebookBlogger PostNetlogTwitterMySpaceBeboGoogle BookmarksLinkedInDeliciousDiggShare

About admin