Eat me, Drink me – Marilyn Manson

eat-me-drink-me-manson

Etichetta: Nothing Interscope Records
Prodotto da: Tim Skold, Marilyn Manson

 

Eat Me, Drink Me può essere considerato paradossalmente come l’album solista di Manson. Il batterista Ginger Fish è temporaneamente  ko per un infortunio ai piedi (e verrà sostituito da una drum-machine), il co-fondatore e tastierista Pogo è in causa legale contro il Reverendo e il chitarrista John 5 è impegnato nei suoi tanti progetti solisti.
Rimangono solo Tim Skold e il singer alle prese con questo disco.

Come  in ogni nuova uscita del Reverendo si presenta un radicale cambio di sonorità, “Eat Me,Drink Me” è un misto tra brit pop e rock mainstream.
If  I was your vampire” è un brano lento e volutamente ripetitivo come un battito cardiaco, che ricorda solo vagamente le atmosfere di Holy Wood, questo è il pezzo migliore dell’album, che da solo vale l’acquisto.

Del resto c’è poco da salvare, Skold alla chitarra è un disastro se paragonato a John 5;  negli assoli di “Putting Holes in Happines“,”The Red Carpet Grave“ è impossibile non accorgersi delle clamorose “stecche” che escono dalle 6 corde. 
E le altre canzoni si differenziano solo per il titolo.

Dato che al peggio non c’è mai fine, è pure presente una bonus track con l’assurdo remix in chiave dance (stile fine anni 90) del primo singolo “Heart-shaped Glasses” che la rende ancora più ridicola di quanto non  fosse già nella versione originale.
Da evitare !

 

recensito da Mighell
m_mighell3

Destination host forbidden

About admin